Audi e BMW si ritirano dalla Formula E

Due costruttori di auto tedeschi lasceranno la Formula E a fine stagione. Audi preferisce dedicarsi a WEC e Dakar, BMW concentrarsi solo nella produzione di auto elettriche.
La decisione arriva come un fulmine a ciel sereno: Audi e BMW lasceranno la Formula E al termine della Season 7. I due team tedeschi hanno rilasciato diffuso la notizia del ritiro dalla Formula E al termine della sessione di test pre-stagionale del mondiale elettrico, lasciando tutti un po’ spiazzati. I due team tedeschi hanno piani ben delineati per il futuro, soprattutto Audi che ha organizzato un programma per il WEC e per la Rally Dakar. Nessun cambio di programma per Porsche e Mercedes, invece, intenzionate a rimanere.

Il ritiro di Audi dalla Formula E, perché?
Audi abbandonerà la Formula E, il campionato elettrico a ruote scoperte nonostante un titolo costruttori ed uno piloti vinto con Lucas Di Grassi in Formula E. Il motivo? Pare che la casa di Ingolstadt voglia dedicarsi al programma LMDh del WEC ed alla Rally Dakar, cui sta progettando un potente SUV elettrico per vincere durante la competizione.
La motivazione pare strana, e fa ritornare alla mente l’annuncio del ritiro dal campionato DTM. In questo anno burrascoso, che ha intaccato finanziariamente anche i team più grandi, Audi ha deciso di rivedere i propri piani e, pare anomala una scelta del genere vista la progettazione del nuovo propulsore che debutterà durante la Season 7 di Formula E.
Tra l’altro i piani di Audi non si fermano qui: il team ha affermato di star lavorando a qualcosa di innovativo nel campo della propulsione elettrica alternativa. Ora i dettagli sono molto scarsi ma questo progetto andrà a combinare per la prima volta una trasmissione elettrica con una batteria ad alta tensione ed un convertitore di energia ad alta efficienza. Magari è proprio questo progetto il punto di partenza per la futura avventura legata alla Rally Dakar e alla classe LMDh del WEC?

BMW si ritira dalla Formula E
Anche BMW ha deciso di lasciare la Formula E: si ritira al termine di questa stagione ma, come Audi, la sua fornitura di propulsori continuerà anche per la stagione 2021/22. Le ragioni della casa di Monaco di Baviera pare siano legate completamente alla produzione di auto elettriche stradali.
In quanto grande banco di prova, la Formula E ha dato modo ai team partecipanti al campionato di implementare le proprie tecnologie nelle vetture elettriche usate quotidianamente. Il mondo degli EV (Electric Vehicle) è in continua espansione ed evoluzione e BMW ha imparato molto dall’esperienza, seppure breve, in Formula E.
L’obiettivo futuro del team dopo che lascerà il campionato elettrico, sarà quello impegnarsi totalmente nella produzione e nella commercializzazione di oltre 7 milioni di auto elettrificate (ibride ed elettriche) per uso quotidiano, di cui i 2/3 delle auto prodotte saranno full-electric. Il team si assicurerà, dal ritiro dalla Formula E, un risparmio di circa 20 milioni di euro.

Per i tedeschi Mercedes e Porsche programmi confermati in Formula E
Dopo un abbandono repentino da parte di due dei quattro team tedeschi occupati nel mondiale elttrico a ruote scoperte, viene scontato chiedersi cosa faranno Mercedes e Porsche, entrate nella grande famiglia della Formula E soltanto la scorsa stagione. Di seguito vi lasciamo le dichiarazioni di Fritz Enzinger, Vice Presidente di Porsche Motorsport e Toto Wolff, TP Mercedes in Formula 1 ma molto vicino alla squadra del campionato elettrico.
I fan di entrambe le case di Stoccarda possono dormire sogni tranquilli almeno per ora. I due team tedeschi sono ben intenzionati a rimanere secondo quanto dichiarato dai propri vertici, a differenza di Audi e BMW che lasceranno il campionato di Formula E.

Ricordiamo che il campionato mondiale di Formula E prenderà il via con il primo doppio appuntamento a Santiago del Cile, il 16 e 17 gennaio.